Ormai agli sgoccioli, la stagione dei risultati societari del primo trimestre 2021 ha portato con sé sorprese positive sia negli Stati Uniti che in Europa. L’esito favorevole delle trimestrali conferma il trend di significativa crescita degli utili grazie all’accelerazione dell’economia e alla favorevole base di comparazione col primo trimestre dello scorso anno, e a fronte di attese che si attestavano su livelli già elevati. La percentuale di società che sta battendo le attese sugli utili si attesta sui livelli più elevati degli ultimi 10 anni. Nel complesso si tratta di un risultato molto importante per i mercati, tenuto conto che le valutazioni azionarie in termini assoluti non possono essere ritenute economiche. Ad esempio, nel caso del mercato azionario USA il rapporto prezzo/utili prospettico (P/E forward) a 12 mesi dell’indice MSCI North America, un ampio paniere di società americane, risulta pari nell’ultimo periodo a 22,4, multiplo significativamente più alto rispetto alla media decennale di 15,8.

I risultati trimestrali mostrano che negli Stati Uniti, per lo S&P 500 a livello aggregato, l’86% delle società ha battuto le attese con una crescita degli utili del 50% e una sorpresa positiva del 24%. Anche la crescita dei ricavi è apparsa significativa: la sorpresa positiva è stata del 4%, con 10 settori su 11 che hanno evidenziato un incremento.
In parallelo, in Europa il 70% delle società dello STOXX 600 che hanno già riportato i dati trimestrali ha battuto le attese, con una crescita dell’utile per azione (EPS) del 42% e una sorpresa positiva del 22%. Nel dettaglio, 7 settori su 11 evidenziano una crescita a doppia cifra. A livello di ricavi il 63% delle società ha fatto meglio delle attese con una crescita del 5% e una sorpresa positiva del 3%. Sette settori su 11 hanno riportato un aumento del fatturato.

Guardando al futuro, ci si può aspettare che lo scenario di crescita degli utili non rimarrà limitato a un recupero ciclico di breve periodo favorito dagli effetti di confronto con i trimestri più deboli del 2020, ma verrà rafforzato e prolungato dell’aggressiva azione fiscale che verrà attuata. Le azioni appaiono chiaramente sostenute dall’impegno dei Governi a utilizzare la politica fiscale per stimolare la crescita del PIL. A questo punto, per gli Stati Uniti le stime mostrano che per il secondo trimestre del 2021 le attese di crescita degli utili risultano ora significativamente sostenute e superiori a quelle del primo trimestre. I buoni risultati relativi ai primi tre mesi dell’anno hanno infatti favorito una revisione al rialzo delle attese per i prossimi trimestri, ma anche una revisione in negativo per il primo trimestre del prossimo anno.

Scarica la versione completa del
Monthly Outlook Maggio 2021

TAGS:

mercati, scenari