Il ciclo più lungo della storia ha lasciato sul campo, in tutte le economie occidentali, un’elevata disuguaglianza di reddito che sta producendo un diffuso malcontento sociale con il rischio di maggiore populismo e protezionismo.  La dinamica è  evidente anche negli Stati Uniti, come emerge dall’ultimo rapporto del Fondo Monetario Internazionale sulla solidità economica degli USA, in cui si legge: “I benefici dell’espansione decennale non sono stati, in generale, condivisi così ampiamente come avrebbero potuto essere. Se osserviamo una vasta serie di indicatori sociali, vediamo un quadro sfidante. L’aspettativa di vita media è diminuita negli ultimi anni, la polarizzazione del reddito e della ricchezza è aumentata, la mobilità sociale si è costantemente ridotta, i risultati in termini di istruzione e salute non sono ottimali e, mentre il tasso di povertà sta diminuendo, rimane più elevato rispetto ad altre economie avanzate”.

La via tracciata era stata quella dell’attuazione di politiche inclusive come “l’istituzione di un congedo familiare retribuito, l’espansione di un credito d’imposta sul reddito percepito e welfare per le famiglie in cui i genitori lavorano e devono prestare assistenza a bambini e altre persone a carico. Tutto ciò fornirebbe un’ancora di salvezza alle famiglie e aiuterebbe a sostenere la mobilità sociale facilitando loro l’ingresso nella forza lavoro e il perseguimento di una carriera soddisfacente”. Non solo. “Il debito pubblico degli Stati Uniti sta seguendo un percorso insostenibile. Sono necessari adeguamenti delle politiche per ridurre il disavanzo di bilancio”.  A causare questa situazione hanno contribuito anche le misure dell’amministrazione Trump,  come la riduzione della tassazione.

L’elevata disuguaglianza di reddito che si è prodotta nel Paese, con una profonda polarizzazione della ricchezza e il conseguente malcontento sociale,  fa sì che i riflettori  siano  puntati sulle elezioni presidenziali del novembre 2020, che catalizzeranno l’attenzione dei mercati nel prossimo anno.

Scarica la versione completa del Perspective 2020.

TAGS:

mercati, scenari