Nella prima parte del 2020 le obbligazioni di Mercati Emergenti hanno risentito negativamente della recessione globale, del calo dei prezzi petroliferi e del tono generale di avversione al rischio. Ma nell’ultimo periodo la situazione sta cambiando, mostrando un contesto meno negativo per questa asset class, sottolineato dal restringimento degli spread dei bond ME. La recente compressione degli spread lascia intravedere guadagni incrementali per questa asset class a condizione di procedere con selettività per evitare il rischio di inadempienze da parte di Paesi sovrani specifici o di ristrutturazioni del debito, come nei casi recenti di Argentina ed Ecuador.

A sostenere la possibilità di individuare opportunità nell’universo del debito ME concorrono più motivazioni: i segnali di ripresa economica globale, più evidenti in Cina, la ricerca del rendimento data la posizione di tassi “più bassi più a lungo” ulteriormente supportata dal recente passaggio della Federal Reserve al regime di obiettivo di inflazione media, l’indebolimento del dollaro USA e la stabilizzazione dei prezzi petroliferi.

In particolare, la valutazione delle obbligazioni ME dovrebbe ricevere supporto dal fatto che le curve dei tassi dei Paesi dei Mercati Emergenti stanno attualmente incorporando politiche monetarie più restrittive. Al contrario, prevediamo che nei Paesi ME crescita e inflazione saranno nuovamente contenute nel quarto trimestre del 2020, consentendo il proseguimento di politiche monetarie accomodanti anche nei prossimi mesi. D’altronde, se è pur vero che nel debito ME gli spread continuano a ridursi, è altrettanto vero che sono ancora lontani dal livello pre-Covid, lasciando spazio per un ulteriore restringimento.

Da non sottovalutare, infine, un ulteriore fattore a sostegno di un rafforzamento di questa asset class: i flussi in entrata, che continuano a offrire supporto al credito ME. I dati mostrano infatti che nell’ultimo periodo i fondi dedicati a questa asset class in valuta forte hanno continuato a evidenziare flussi in entrata per un periodo continuo di dieci settimane.

Scarica la versione completa del
Monthly Outlook Settembre 2020

TAGS:

mercati, scenari